#sconfinamenti linguistici. Attraversamenti Multipli, in punjabi

Abbiamo chiesto ai Nanirossi di raccontarci quali sono gli spettacoli di sabato 22 settembre, leggendo la lingua punjabi.

#sconfinamenti linguistici è una rubrica del blog curato da Spettatori Migranti/Attori Sociali 

Raffaele Urselli (Phd in African Studies), che ringraziamo, ci ha raccontato qualcosa sulla lingua punjabi/panjabi.

diffusione della lingua panjabi

Il Panjabi è una lingua di origine indo-iranica diffusa tra Pakistan e India. Prende il suo nome dalla regione del Panjab, al confine tra India e Pakistan, dove è parlato all’incirca da 100 milioni di persone. In Canada e Regno Unito, grazie alla diaspora indo-pakistana, rientra tra le lingue native più parlate. Il Panjabi è inoltre una delle poche lingue al mondo ad essere scritta in due modalità differenti e tuttavia mutualmente intellegibili: se in India infatti, nello stato del Panjab, questa lingua viene scritta attraverso l’alfabeto gurmukhi (da sinistra verso destra), che deriva da un alfabeto utilizzato in diverse lingue indiane, in Pakistan si scrive con l’alfabeto shahmukhi, una forma modificata dell’alfabeto arabo (quindi da destra verso sinistra). Questo doppio registro è indicativo delle divisioni politiche che attraversano il versante occidentale del sub-continente indiano, nello specifico delle storiche tensioni frontaliere tra India e Pakistan.

La Redazione

Lascia un commento