BORDERS / LINE 1

image description
 


 


 

 

 

sabato 14 ottobre | dalle h 17
Centro Storico di Calcata (VT)
 


domenica 15 ottobre | dalle h 17
Centro Storico di Faleria (VT)
balletto-civile

 

performance | danza + teatro fisico |

BORDERS / LINE 1
(Beautiful Borders)

Un’azione performativa all’interno di BEAUTIFUL BORDERS, progetto performativo sullo sconfinamento

Un progetto di Margine Operativo

Ideazione Pako Graziani e Alessandra Ferraro
Regia Pako Graziani

Coreografie Francesca Lombardo

Performer Francesca Lombardo,
Produzione Margine Operativo 

Coproduzione Attraversamenti Multipli # Genova supportato dalla Compagnia di San Paolo nell’ ambito di “ORA! Linguaggi contemporanei produzioni innovative”

   

I confini sono tutt’intorno a noi. Sono confini convenzionali e geografici, astratti e reali, fisici e mentali.
Le identità individuali e collettive sono, al tempo stesso, costruite e fratturate dall’esperienza dell’attraversamento dei confini.
L’attraversamento dei confini, oggi, è un drammatico campo di tensione in cui spesso la ricerca di una vita migliore si infrange sulla catastrofe della morte.
Lo “sconfinamento”, e’ un processo indefinitamente (ri)costituente, capace di porre in discussione gli ordini consolidati.

 

FRANCESCA LOMBARDO
Danzatrice professionista. Comincia i suoi studi a Roma per poi, nel 2004,trasferirsi in Germania e proseguire un percorso di formazione professionale presso istituti di danza contemporanea come il “Pact” e il “Tanzhaus nrw”.Nel 2008 si diploma presso l’accademia di danza contemporanea “ArtEZ” ad Arnhem in Olanda.Durante gli anni di formazione partecipa come interprete in diverse creazioni dirette da coreografi internazionali quali, Felix Dumeril, Philip Taylor ,Roberto Zappalà ,Gesa Piper ,Reut Shemesh , Amos Ben Tal, Ed Wubbe… Dal 2011 al 2013 fa parte di ”Balletto Civile”, ensamble di teatro fisico diretto da Michela Lucenti. Insegna danza contemporanea, nello specifico Floor Work, in diversi centri.

MARGINE OPERATIVO
È un progetto artistico multidisciplinare. I suoi campi d’azione sono: il teatro, le arti performative, il video. Fin dall’inizio del suo percorso ha avuto una natura poliforme e meticcia che lo ha portato ad agire su più fronti della creazione artistica contemporanea: dalla produzione di spettacoli teatrali e di formati performativi in bilico tra diversi codici artistici, alla ricerca sul linguaggio video che spazia dalla realizzazione di documentari ai format televisivi, dai remix di film ai live set visuali.
Queste caratteristiche hanno delineato un altra zona di azione di Margine Operativo: l’ideazione e l’ organizzazione di Attraversamenti Multipli.