Warning: Parameter 1 to wp_default_scripts() expected to be a reference, value given in /web/htdocs/www.attraversamentimultipli.it/home/2015/programma/wp-includes/plugin.php on line 579

Warning: Parameter 1 to wp_default_styles() expected to be a reference, value given in /web/htdocs/www.attraversamentimultipli.it/home/2015/programma/wp-includes/plugin.php on line 579
Presunta morte naturale | Attraversamenti Multipli 2015 | Programma

Presunta morte naturale

image description

 


 



MARGINE OPERATIVO

domenica 4 ottobre lalish
Centrale Preneste Teatro | sala teatro via Alberto da Giussano 58
h. 21

 

spettacolo teatrale – prima nazionale | ’50 |

Presunta morte naturale
un dramma pubblico

ideazione – drammaturgia / conception and dramaturgy : Pako Graziani
regia / direction: Alessandra Ferraro e Pako Graziani
con / performer: Tiziano Panici
musiche / music: Margine Operativo
light designer: Valerio Maggi
produzione /production: Margine Operativo
in collaborazione con /in cooperation with: Kollatino Underground, Argot Studio, Attraversamenti Multipli

   
 

Presunta morte naturale prosegue la ricerca di Margine Operativo di confronto attraverso il teatro con i temi del presente. Lo spettacolo ripercorre la storia di Stefano Cucchi: geometra trentunenne morto a Roma il 22 ottobre 2009 per presunta morte naturale.
Una settimana prima era stato arrestato per spaccio: sette giorni nelle mani dello Stato, dai carabinieri alla polizia penitenziaria, dai magistrati ai medici del carcere e dell’ ospedale. La famiglia lo rivedrà dietro una teca di vetro: sul suo corpo, inequivocabili segni di percosse.
Tiziano Panici dà voce e corpo alla storia di Stefano, attraverso una drammaturgia che affronta la sua vicenda da prospettive diverse, un intreccio di fonti e di voci diverse che si accavallano e si rincorrono.

“Perché quella di Stefano era una vita normale, con inciampi, sofferenze e sbagli normali, finita in un modo che normale non è”

 

>Death for Presumably Natural Causes continues the research of Margine Operativo to debate contemporary issues throught heatre. The play is about the story of Stefano Cucchi, a 31-year old surveyor who died in Rome on October 22 of 2009, a death for presumably natural causes. The previous week he had been arrested for drug dealing: seven days under the responsibility of public officials, including police officers of different corps, judges, and doctors both in the jailhouse and at the hospital. The next time his family saw him he was in a glass coffin: the corpse still baring unmistakable signs of beatings.
Tiziano Panici embodies and gives voice to Stefano’s story through a dramaturgy that confronts the incident from different perspectives, a thread of various overlapping sources and voices.

“Because Stefano lead a normal life, made of stumbling, suffering, and common mistakes, which ended not in a normal way”

 

Margine Operativo è un progetto artistico multidisciplinare.
I suoi campi d’azione sono: il teatro, le arti performative, il video.
Fin dall’inizio del suo percorso ha avuto una natura poliforme che lo ha portato ad agire su più fronti della creazione artistica: dalla produzione di spettacoli teatrali e di formati performativi in bilico tra diversi codici artistici, alla ricerca sul linguaggio video che spazia dalla realizzazione di documentari ai format televisivi, dai remix di film ai live set visuali.
Nel suo DNA porta iscritta la convinzione che l’ arte è un dispositivo che può creare cambiamenti e la propensione alla creazione di connessioni con altri progetti / gruppi e con gli spazi dell’ attivismo culturale.
Queste caratteristiche hanno delineato un altra zona di azione di Margine Operativo: l’ideazione e l’ organizzazione di eventi e del festival Attraversamenti Multipli – con cadenza annuale dal 2001 – che si interroga sulle relazioni e interferenze tra i linguaggi artistici contemporanei.

Margine Operativo is a multidisciplinary artistic project.
It is active in the spheres of theatre, performance arts and video.
Since its early stages, Margine Operativo took on a multiform nature that pushed it to engage with various dimensions of artistic and cultural production:
– conceptual development and organisation of festivals and multidisciplinary events;
– creation and production of theatre shows and performative actions;
– artistic research on video language, from film-making (documentary and fiction) to live-sets.
It is in the project’s DNA to think of arts as a device that can trigger change and strive for connections with other projects /artists/spaces.
This led us to venture in yet another pathway: the creation of Attraversamenti Multipli (Multiple Crossovers), a multidisciplinary festival we have been organising on yearly for connections with other projects /artists/spaces.

Tiziano Panici Giovane regista e interprete, nato a Roma nel 1985, sceglie da subito di non intraprendere studi accademici ma di perseguire la sua formazione attraverso l’esperienza diretta sul campo, indagando nuovi percorsi e linguaggi di scena innovativi caratterizzati dall’interazione della voce e del corpo dell’attore con tecnologie digitali, ambienti sensibili e scenografie virtuali, senza mai perdere interesse verso la parola. Dedica molte delle sue prime messe in scena alla nuova drammaturgia italiana e straniera. Dal 2010 è responsabile della direzione artistica del teatro Argot Studio di Roma.Nel 2013, condivide la direzione artistica del progetto Dominio Pubblico: una speciale programmazione artistica che ha come principale obbiettivo quello di diffondere e promuovere le arti sceniche contemporanee e di implementare il coinvolgimento di un pubblico attivo all’interno del progetto stesso.

Tiziano Panici Young director and performer, born in Rome in 1985, immediately chose not to undertake academic studies but to pursue his education through direct experience in the field, investigating new ways and languages of innovative scene characterized by the interaction of voice and body actor with digital technologies, sensitive environments and virtual sets, never losing interest in the word. He devoted many of his first show at the new Italian and foreign dramaturgy. Since 2010 he is responsible for the artistic direction of the theater Argot Studio in Rome. In 2013, shares the artistic direction of the project Dominio Pubblico /Public Domain : A special artistic program that has as main objective to disseminate and promote the contemporary performing arts and to implement the involvement of an active public within the project itself.

margineoperativo.net