image description

#AttraversamentiMultipli, Week 2 – Day1, #MEGALOPOLIS #Roma

DSC_0025

La compagnia Instabili Vaganti presenta a Largo Spartaco il risultato del workshop tenuto i giorni precedenti assieme al Lalish Theater Labor, operante in Austria. Megalopolis è un progetto site specific e prosegue la linea individuata da Attraversamenti Multipli e già enucleata durante la settimana passata. Questo ha la particolarità di avere un respiro, è il caso di dirlo, internazionale. La performance, infatti, prende spunto da un fatto di cronaca sconosciuto ai più, avvenuto in Messico nel Settembre 2014 e riguarda la scomparsa di 43 studenti diretti, su un autobus, ad una manifestazione e catturati, secondo la versione ufficiale, da banditi che li avrebbero poi uccisi. Sulla vicenda non è ancora stata fatta luce: le ipotesi sono molte e arrivano a coinvolgere le autorità stesse. Il lavoro vuole innanzitutto, come ci raccontano le performer che vedrete nel video, aiutare a ricordare e diffondere l’avvenimento. Così è stato già in loco, così sta avvenendo in Europa. L’eco e la forza dirompente di questo grido di disperazione, di questo rifiuto estremo all’eventualità che un gesto come questo possa ripetersi, travolge letteralmente lo spettatore:

 

 

Rifiuto e commemorazione. Attraverso coralità vocali che si diffondono lungo lo spiazzo che ha visto la rappresentazione le performer assumono, viene quasi voglia di dire “letteralmente”, i panni degli studenti scomparsi.

IMG-20151009-WA0006 IMG-20151009-WA0010

 

La consapevolezza dell’utilità del ricordo, che si serve questa volta della sublimazione teatrale, è espressa sul finale attraverso una sorta di metafora del divenire:

“Volevano seppellirci ma non sapevano che eravamo semi”.

Di lì il superamento della morte e la rinascita che si fa gesto pratico attraverso il dono, allo spettatore, di un fiore.

 

IMG-20151009-WA0001

 

Noi ve l’abbiamo raccontato con qualche foto  e attraverso le parole di queste giovanissime performer. Ohi, ragazzi, il video è interessante, ma lunghetto. Resistete!

 

Grazie!

Elisa, Carlo e Caterina per #AttraversamentiMultipli

 

Scrivi un commento